Contattaci CONTATTACI   CREDITS    
 
    Home HOME   LEGGE 383   PROGETTI   DOCUMENTAZIONE   FORUM   BANCA DATI   LOGIN


:: 16.01.2012 - SPORTIVA...MENTE: IL PROGETTO E IL RACCONTO DEI PROTAGONISTI ATTRAVERSO LA REPUBBLICA E RAINEWS24 ::

“Gli amici lo chiamano Ringhio. ‘Perché metto molta grinta in campo come Gattuso. Non so chi sia ma mi hanno spiegato che è forte in difesa’. Anche Vittorio lo è…”: questo è l’attacco del lungo articolo che Repubblica di sabato 7 gennaio dedica all’Uisp e al progetto “Sportiva…mente”. Il titolo è "Un calcio che fa bene da matti, quando lo sport diventa terapia". Foto, box illustrativi e la ricostruzione di un percorso: “L’Uisp lavora su sport e sofferenza mentale dagli anni ’90 usando il pallone come terapia insieme a molte Asl italiane, medici, operatori” scrive Alessandra Retico.
E poi le testimonianze di alcuni dirigenti Uisp impegnati in prima fila: Giuliano Bellezza (“Fare una grande esperienza di normalità nell’anormalità”) e Simone Pacciani: “Non volevamo raccontare una favola, ma mi piace ricordare una fantastica storia di calcio: quella del Calais, squadra francese di dilettanti arrivata alla finale di Coppa di Francia nel 2000. La formazione era composta da quattro impiegati, tre magazzinieri, un commerciante, un insegnante di educazione fisica e un marinaio”.

Giovedì 12 gennaio, invece, il progetto Sportiva...mente è stato ospitato da Rainews24, nella rubrica condotta da Novella Calligaris. In collegamento da Palermo c'era Ignazio Accomando, psicologo, operatore e responsabile locale del progetto, che in Sicilia ha coinvolto Palermo, Enna e Ragusa. Anche in questo caso protagonista "Ringhio", Vittorio, di Palermo che frequenta il Centro diurno del capoluogo siciliano. L'intervista inizia parlando di lui, uno dei simboli di questo progetto che, nel libro recentemente presentato dall'Uisp per raccontare l'esperienza, dice che ci sono partite che trasmettono ansia ma poi, "parlando con Giuseppe, il dottore, e Ignazio, poi mi calmo". Ignazio Accomando, proprio lui, conosce i ragazzi uno per uno e, durante l'intervista, ne descrive le caratteristiche psicologiche, le motivazioni, le ambizioni di "normalità". Lo sport e il calcio possono rappresentare l'avventura di un giorno, scendere in campo e organizzare una trasferta, ricoprire un determinato ruolo in campo o gestire il rapporto con gli altri compagni. E ancora: il calcio e lo sport soono una terapia?

Infine, sabato 14 gennaio, alle ore 8, appuntamento sulle frequenze di Radio Capital: la giornalista Fabiana Bisulli si collegherà in diretta con Milano per raccontare il progetto "Sportiva...mente".





:: 05.10.16 - ARCHEOGIOCANDO: RIUNIONE DI AVVIO IL 30 SETTEMBRE E IL 1 OTTOBRE A ROMA ::
Il progetto finanziato dalla 383/2000 prevede attività motoria nei siti archeologici per ragazzi e adolescenti
Si terrà venerdì 30 [...]



:: 14.07.16 - AVVIO ATTIVITA' PROGETTO ARCHEOGIOCANDO: COPROGETTAZIONE DI PERCORSI SPORTIVI PER LA FRUIZIONE ATTIVA DEL PATRIMONIO CULTURALE ::
Ha preso avvio il 15 luglio 2016 il progetto nazionale “Archeogiocando: co-progettazione di percorsi sportivi nei siti archeologici per la fruizione attiva [...]



:: 04.03.16 - ARCHEOGIOCANDO: APPROVATO IL NUOVO PROGETTO NAZIONALE 383 ::
Il progetto, che partirà in estate, coinvolgerà gli studenti in attività motorie all'interno dei siti archeologici italiani
Con il [...]



:: 08.02.16 - COMPAGNI DI CORDATA: PROSEGUE LA SECONDA EDIZIONE DEL PROGETTO IN TOSCANA ED EMILIA ROMAGNA ::
Con il progetto Uisp Compagni di cordata la montagna diventa accessibile per tutti: impegno, tenacia, costanza, caratteristiche imprescindibili degli sport [...]