Contattaci CONTATTACI   CREDITS    
 
    Home HOME   LEGGE 383   PROGETTI   DOCUMENTAZIONE   FORUM   BANCA DATI   LOGIN


:: 15.10.2015 - TERZO TEMPO UISP: IL PROGETTO PER IL RECUPERO DEI MINORI IN CARCERE ATTRAVERSO LO SPORT ENTRA NEL VIVO IL 16 E 17 OTTOBRE A ROMA CON L'INCONTRO DI AVVIO ::

Venerdì 16 e sabato 17 ottobre si terrà a Roma l’incontro di avvio del progetto nazionale Uisp “Terzo tempo: azioni innovative per lo sport negli istituti di pena minorili”. Si riuniranno presso il Royal Santina Hotel i referenti locali del progetto con la cabina di regia nazionale per un primo momento di scambio in cui condividere obiettivi, metodologia e azioni del progetto. Il progetto nasce per dare continuità ad un filone consolidato di interventi Uisp in questo campo e mira a favorire il recupero sociale della popolazione carceraria minorile riproponendo alcune delle efficaci azioni sperimentali validate nell'esperienza pluriennale pregressa: dalla pratica sportiva nei centri ed istituti all'educazione alla legalità, fino alla formazione mirata all’inserimento lavorativo e all’imprenditorialità sociale. Il progetto, amplierà le attività coinvolgendo altre due regioni, Emilia Romagna e Toscana, nei due istituti penitenziari minorili di Pontremoli e Bologna.

In particolare si tratta di progettare e avviare attività sportive ed educative specifiche, utili a rafforzare il percorso di autonomia dei minori detenuti che, per diversi motivi, hanno intrapreso un percorso di devianza, creando le condizioni per un reale salto di qualità verso un percorso rieducativo e di effettivo reinserimento sociale e lavorativo. Verranno quindi proposti sport individuali ma anche di squadra, con l'organizzazione di partite con squadre esterne al carcere ma anche eventi sportivi e incontri con atleti utili a favorire lo scambio e ad aprire ponti con l'esterno in una prospettiva di rieducazione/riabilitazione. Funzionale invece all'obiettivo di inserimento delle ragazze e dei ragazzi detenuti nel mondo lavorativo è anche la proposta di corsi professionali successivamente spendibili all’interno delle infrastrutture sportive gestite dall’Uisp o da enti partner.

Il progetto mira inoltre ad attivare e sostenere reti di coesione e protezione sociale che possano farsi carico dell’assorbimento dei minori che escono dal circuito penale o dall’area delle devianza, per questo è previsto un secondo asse progettuale con la realizzazione di campagne di comunicazione mirate negli Istituti penitenziari minorili del territorio nazionale ad opera di venti comitati regionali Uisp: l'obiettivo è quello di favorire la diffusione dell'esperienza e dei risultati ottenuti.





:: 05.10.16 - ARCHEOGIOCANDO: RIUNIONE DI AVVIO IL 30 SETTEMBRE E IL 1 OTTOBRE A ROMA ::
Il progetto finanziato dalla 383/2000 prevede attività motoria nei siti archeologici per ragazzi e adolescenti
Si terrà venerdì 30 [...]



:: 14.07.16 - AVVIO ATTIVITA' PROGETTO ARCHEOGIOCANDO: COPROGETTAZIONE DI PERCORSI SPORTIVI PER LA FRUIZIONE ATTIVA DEL PATRIMONIO CULTURALE ::
Ha preso avvio il 15 luglio 2016 il progetto nazionale “Archeogiocando: co-progettazione di percorsi sportivi nei siti archeologici per la fruizione attiva [...]



:: 04.03.16 - ARCHEOGIOCANDO: APPROVATO IL NUOVO PROGETTO NAZIONALE 383 ::
Il progetto, che partirà in estate, coinvolgerà gli studenti in attività motorie all'interno dei siti archeologici italiani
Con il [...]



:: 08.02.16 - COMPAGNI DI CORDATA: PROSEGUE LA SECONDA EDIZIONE DEL PROGETTO IN TOSCANA ED EMILIA ROMAGNA ::
Con il progetto Uisp Compagni di cordata la montagna diventa accessibile per tutti: impegno, tenacia, costanza, caratteristiche imprescindibili degli sport [...]