Contattaci CONTATTACI   CREDITS    
 
    Home HOME   LEGGE 383   PROGETTI   DOCUMENTAZIONE   FORUM   BANCA DATI DEL PROGETTO   LOGIN


LA UISP E I GIOVANI:
modelli di prevenzione e protezione sociale.


La sperimentazione di modelli positivi che rispondano ai bisogni di autonomia č uno strumento di crescita fondamentale per le giovani generazioni, soprattutto per i giovani di fascia debole che debbono misurarsi con questa realtā e che si avvicinano al mondo adulto; modelli positivi che mettano i giovani in relazione con una collettivitā che possa offrire loro opportunitā di partecipazione, che li investa di un ruolo attivo e che possa contare su di loro per la grande risorsa di cui sono portatori.
In quest'ottica, nell'arco degli ultimi anni, l'associazione ha sperimentato in tutto il territorio nazionale molteplici progetti volti alla prevenzione ed alla protezione sociale di giovani compresi tra i 14 ed i 25 anni. Tali iniziative sono sorte, tra gli altri motivi, dalla forte consapevolezza del ruolo dei giovani come recettori prima ed attori poi dei modelli culturali della nostra societā.
Questi presupposti sono il punto di partenza per una prima elaborazione progettuale che nasce dall'esperienza stessa dell'Associazione, nei campi citati, per spaziare nell'ambito del lavoro associativo nelle cittā, del vivere i parchi e le aree protette, dell'intervento dentro e fuori gli stadi.

L'idea progettuale si sviluppa attraverso il monitoraggio delle esperienze fatte ai vari livelli finalizzato allo scambio delle buone prassi e alla ricerca di un modello o di modelli che siano riproducibili nei vari contesti territoriali, tenendo conto delle diversitā che questi possono presentare.
Ci proponiamo di attuare un progetto di sistema per promuovere sul territorio nazionale una rete di iniziative in cui emerga il protagonismo e la partecipazione dei giovani avvicinandoli ad una pratica di "cittadinanza attiva\. "L'inclusione attiva", l'integrazione e il protagonismo sono peculiaritā di questo progetto mirato a favorire la partecipazione della fascia giovanile.

OBIETTIVI

  • Costruzione di un sistema a rete e implementazione delle capacitā del sistema.
  • Accompagnamento dei progetti sul territorio per creare contesti di partecipazione rivolti ai giovani.
  • Identificazione di modelli metodologici di intervento sui giovani e con i giovani identificati nel target.
  • Identificazione di modelli metodologici trasferibili non solo all'interno dei diversi contesti territoriali dell'Associazione, ma anche al di fuori dell'Associazione stessa.
  • Identificazione di buone pratiche, con riferimento ad iniziative che abbiano o abbiano avuto come obiettivo quello di costruire la partecipazione dei giovani assegnando loro un protagonismo attivo nella societā.
  • Attivazione di processi che consentano la costruzione di un sistema a rete che sia "veicolo" e "risorsa" per diffondere "le buone pratiche" per il coinvolgimento dei giovani.
  • Gemmazione su territorio del modello identificato al fine di realizzare un effetto "volano" moltiplicatore di iniziative e azioni che abbiano come obiettivo quello di assegnare a gruppi di giovani un protagonismo attivo rispetto alla progettazione, alla realizzazione di azioni e iniziative in grado di produrre trasformazioni verso i propri coetanei e nei confronti della collettivitā.

    AZIONI


    Il progetto prevede la composizione di un gruppo di metodologi che partendo dall'analisi di modelli di intervento giā presenti in ambito Uisp sulla protezione e prevenzione sociale, analizzeranno e costruiranno modelli di buone pratiche che potranno essere spendibili su altri territori.
    I modelli che vengono proposti ai metodologi sono sia provenienti dalle 3 realtā (Ferrara, Genova e Torino) sia dalla mappatura sul territorio.
    In seguito a questa azione nascono sia una banca dati progettuale (strumenti, metodologie, archivio progetti...) sia modelli da validare nelle 3 cittā bersaglio identificate (Fe, Ge, To) al fine di verificare l'adattabilitā dei modelli proposti.
    I modelli adeguati potranno produrre una vera e propria gemmazione in 5 cittā.
    Tutta l'attivitā di riproducibilitā č accompagnata da una parte del gruppo dei metodologi.
    Inoltre si strutturano 2 forum sulla tematica giovanile che trattano i temi della promozione sociale con specificitā sulle tematiche giovanili, lo scambio di buone pratiche, il trasferimento di know how, il sostegno alle cittā in gemmazione ed infine le conclusioni saranno presentate in un convegno finale.